29 febbraio

images2

Stamattina, appena sveglia, mi sono detta che sarebbe stato bello vivere il giorno della non presenza – 29 febbraio, giorno del tempo immaginario – a passeggiare col mio cane e la mia metà (che poi in realtà è più metà della adorabile setter che vive con noi da 13 anni). Ho deciso che era giunto il momento, nonostante il mare in tempesta, di percorrere il Sentiero degli artisti e dei poeti e giungere al parco archeologico di Saturo, affidandosi al destino senza mai superare il confine.

Parco_Archeologico_Promontorio_Saturo_Vista_Aerea_02
Veduta aerea di Saturo

Ma..era stato solo un magnifico sogno della fase REM: mi trovavo ben lontano da quel sentiero e allora ho capito che, ancora una volta, il 29 febbraio è il giorno della non presenza. Un giorno di carta trasparente, invisibile come la vita che trascorre, noi malgrado.


Annunci